.
Annunci online

nuovaitaliasardegna
Associazione Culturale Nuova Italia - Sardegna


Diario


7 gennaio 2008

La vecchina sfreccia con la Mini - tratto da L'Unione Sarda

Una giornata di grande festa per tutti i bambini. Grazie alla raccolta di beneficenza sono stati distribuiti migliaia di doni.
Anche quest'anno sono state numerose in città le iniziative legate alla ricorrenza dell'Epifania. La Befana ha dispensato giocattoli nelle piazze, nei parchi, negli oratori, nei centri anziani e negli ospedali. Tra le manifestazioni più riuscite la grande festa dell'Epifania ai giardini pubblici promossa dalla Circoscrizione 1, la Befana Tricolore in Mini organizzata in piazza Giovanni XXIII e la Befana della Circoscrizione 5. Quindi la terza edizione della Befana della Polizia municipale, ripristinata nel 2006 dopo 40 anni di assenza, che ha consentito di raccogliere oltre 600 doni. Due agenti si sono improvvisati “befani per un giorno” e hanno consegnato i pacchetti ai bambini malati ricoverati nella Clinica Macciotta e nei reparti di pediatria del Brotzu, del Microcitemico e dell'ospedale di Is Mirrionis.
Notevole successo ha riscosso la festa dell'Epifania organizzata dalla Circoscrizione 1 e dall'associazione Efys ai Giardini pubblici. Tra giochi e spettacoli di animazione, la mattinata è filata via veloce in un clima di spensieratezza che ha contagiato tutti. A mezzogiorno i più piccoli si sono riuniti in cerchio di fronte alla grande fontana e hanno ricevuto in dono la classica calza piena di dolcezze.
In piazza Giovanni la Befana non è venuta di notte, come recita la popolare filastrocca, bensì a mezza mattina. E non è scesa dal cielo a cavallo della scopa volante: è arrivata invece alla guida di un corteo di Mini Cooper d'epoca, stracolme di giocattoli e dolciumi fino al tettuccio. Le piccole auto hanno fatto il loro ingresso trionfale in piazza Giovanni alle 10,30. Ad attenderle una folla di bambini in visibilio. Le Mini sono state prese d'assalto e la Befana ha avuto il suo bel da fare per riuscire ad accontentare tutti. La distribuzione dei doni (circa 3.000) è andata avanti fino all'ora di pranzo tra applausi, salti di gioia e le immancabili foto ricordo. Le Mini (5 diversi modelli risalenti ai primi anni 70) sono state messe a disposizione dall'associazione Auto club 4 Mini diretta da Michele Cau. A fine mattinata le auto storiche hanno sfilato in corteo per le vie della città e poi sono rientrare alla base per i saluti finali.
Befana protagonista anche negli oratori delle parrocchie: a Sant'Elia e a La Palma la vecchina ha distribuito giocattoli ai bambini bisognosi. L'iniziativa di beneficenza è stata promossa dalla Circoscrizione 5 in collaborazione con l'associazione Janas Volley. In totale sono stati distribuiti oltre 600 doni.


3 gennaio 2008

Prosegue anche oggi la Befana Tricolore a Cagliari

 Ricordo a tutti che in previsione della Befana Tricolore che si svolgerà Domenica 6 Gennaio dalle ore 10,30 presso la Piazza Giovanni XXIII, questa sera sarà ancora possibile recapitare i giocattoli usati presso la sede delle Associazioni  NUOVA ITALIA  e BLOCCO STUDENTESCO in Via Giudicessa Benedetta, 46 a Cagliari, dalle ore 18,30 alle 20,30.


1 ottobre 2007

Noi occupiamo l'Assessorato alla Pubblica istruzione e alcuni docento sono con noi!

Alla c.a. Dott.ssa Maria Antonietta Mongiu           

   Assessore alla Pubblica Istruzione                           
REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA   
 
e, p.c.: Sig.ri Simone Spiga e Andrea Palmas                
 
L'associazione professionale di docenti AESPI, essendo venuta a conoscenza della manifestazione svoltasi venerdì 28 settembre all'interno dell'Assessorato, da parte di alcune organizzazione giovanili, relativamente al finanziamento di un progetto didattico su Antonio Gramsci, ritiene di dover esprimere al riguardo le seguenti motivate riflessioni. 
L'AESPI, in ogni modo possibile, incoraggia lo studio e la diffusione della cultura, avendo identificato nella mancanza di cultura la vera falla nel sistema educativo attuale: infatti, al di là di tanti problemi logistici e organizzativi, la persistenza in molti docenti di ideologie fallite che hanno dimostrato ripetutamente il proprio fallimento, non permette alla scuola di fare quel salto di qualità così necessario in tempi di sfide globali, poichè da esse derivano comportamenti inadeguati  come i metodi didattici evanescenti e la trasmissione di idee utopiche, incapaci di aiutare le persone a camminare con le proprie gambe nel mondo del lavoro e nella vita sociale.
Ottima dunque appare l'iniziativa della Regione Autonoma della Sardegna di dedicare una giornata allo studio di un pensatore che ha pur avuto importanza nella nostra quotidianità degli anni di fine '900; ma pessima la realizzazione, dimostrando ancora una volta che la vera cultura  è merce rara e che spesso, come in questo caso, si tenta di contrabbandare per "cultura" una ideologia ammuffita, fallimentare da tutti i punti di vista e ormai sconfessata anche da quelli che la professavano senza vergogna fino 20 anni or sono. Ancor migliore, dunque, la azione intrapresa molto intelligentemente dai giovani studenti che hanno preso alla lettera lo slogan: "la cultura al potere!", occupando per questo una struttura di gestione del potere amministrativo, in difesa della richiesta di uno studio gramsciano obiettivo e completo: non si migliora, infatti, la preparazione culturale se non analizzando realisticamente i pregi ed i difetti dei pensatori che ci hanno preceduto per eliminare i secondi e recepire i primi, per aiutare efficacemente noi stessi ed il mondo.Ed in particolare questo vale per il mondo della scuola, così bisognoso di verità, intesa come insieme di informazioni accurate, capacità riflessiva esercitata e rettitudine di intenti nel trasmettere, con la didattica, il sapere umano alle giovani generazioni.
Avanti, dunque, Sardegna! ma nella direzione giusta: i tuoi giovani, sembra, vogliono correggere finalmente gli errori di vecchi malvissuti, superstiti di  un tragico fallimento di una ideologia che, - ma bisogna sempre ripeterlo? - non ha mai relizzato, da sola, nulla di più dei campi di sterminio, che speriamo finiscano una volta per sempre con gli attuali laogai cinesi e la repressione armata di pacifici bonzi birmani.
Distinti ossequi
 
        Per l'AESPI: il Presidente, Angelo Ruggiero


18 settembre 2007

Cagliari: Prosegue il Mercatino del Libro Usato per le Medie e le Superiori in Via Giudicessa Benedetta, 46

“Prosegue aprendo tutti i Martedì e Giovedì dalle ore 16.00 alle 20.00 il Mercatino dei Libri Usati in Via Giudicessa Benedetta 46, promosso dalle Associazioni Culturali e Studentesche Studenti Non Conformi, Blocco Studentesco e Stile Libero, realtà associative rispettivamente vicine ad Alleanza Nazionale, Fiamma Tricolore e Forza Italia”, affermano nella nota i responsabili delle Associazioni.

“A partire da domani sera inizierà la raccolta dei libri delle medie inferiori dove si è riscontrato un aumento dei costi dei libri del 15% e dove la difficoltà a reperire i testi di seconda mano e maggiore, per questo le tre Associazioni hanno promosso questo nuovo servizio per le famiglie”…”non tratteniamo alcuna somma di denaro sul costo dei libri e il prezzo è del 50% sul prezzo di copertina”, incalzano i referenti delle Associazioni.

“Nel frattempo prosegue il monitoraggio sull’adozione dei testi scolastici e la verifica che gli elenchi dei testi scolastici suddivisi per sezione si corrispondenti con quelli che poi i singoli insegnanti fanno comprare, su queste situazioni stiamo riscontrando situazioni molto gravi di insegnanti che cambiano i testi all’ultimo momento, fatto vietato da una Circolare del Ministero della Pubblica Istruzione”..”preannunciamo pertanto esposti alla Procura della Repubblica per verificare i comportamenti di insegnanti e Case Editrici, oltre che della Direzione Regionale della Scuola”, concludono Andrea Palmas, Simone Spiga e PierPaolo Cassoni.


10 settembre 2007

Parte domani a Cagliari il Mercatino del Libro Usato

“Le Associazioni Blocco Studentesco, Studenti Non Conformi e Stile Libero comunicano che domani a partire dalle ore 16.00 presso la sede di Via Giudicessa Benedetta, 46 inizierà il Mercatino del Libro Usato rivolto a famiglie e studenti”, affermano nella nota i Responsabili del Mercatino.

“Dopo aver presentato i dati relativi ai costi dei libri di testo per le scuole superiori e aver denunciato gravi disagi ai danni di molte famiglie, inizierà domani e proseguirà fino al 2 Ottobre il Mercatino”, incalzano i responsabili delle Associazioni.

“Da oltre dieci anni le Associazioni Studentesche hanno posto all’attenzione delle autorità i costi esorbitanti dei libri di testo, e con la verifica in atto da parte della Guardia di Finanza operata in sei città italiane, di cui nessuna sarda, per arginare il problema del Caro Libri. Per questo le tre Associazioni si sono poste come promotrici di questa battaglia per il diritto allo studio, attraverso il Mercatino del Libro Usato che sarà uno strumento in più per garantire a tutti l’accesso agli studi superiori, negati dal costo elevato dei libri di testo”, conclude la nota delle Associazioni.


7 settembre 2007

Contro il caro libro mercatino dell'usato e raccolta di firme

Tratto da L'Unione Sarda

Quest'anno gli studenti dei licei di Cagliari spenderanno in media oltre 500 euro a testa per l'acquisto dei libri, il 20% in più rispetto all'anno scorso. Il dato, ancor più allarmante se si considera che non include la spesa per l'acquisto dei vocabolari, è emerso da un sondaggio effettuato nei giorni scorsi in una decina di scuole della città dalle associazioni studentesche “Stile libero”, “Blocco studentesco” e “Studenti non conformi”. Ieri mattina i responsabili dei tre circoli, Federico Onnis, Andrea Palmas e Pietrangelo Cara, hanno indetto una conferenza stampa per denunciare la gravità della situazione e farsi promotori di due distinte iniziative finalizzate ad arginare il fenomeno del caro-libri: un mercatino del libro usato e una raccolta di firme per una proposta di legge nazionale anti-salasso.
Al fianco degli studenti anche due protagonisti della militanza politica giovanile di destra: Pierpaolo Cassoni (vice coordinatore regionale dei giovani di Forza Italia) e Simone Spiga (dirigente nazionale di Azione Giovani nonché consigliere circoscrizionale di An della Circoscrizione 4). «Le tabelle sui testi scolastici fornite dagli istituti indicano che nei licei del capoluogo sardo si spendono tra i 530 e i 550 euro (esclusi i dizionari e quei libri di narrativa che i docenti sono soliti richiedere nel corso dell'anno) mentre i costi scendono di circa 100 euro negli istituti tecnici». In quest'ultimo caso, però, costano molto le attrezzature come album da disegno, squadre, righe e compassi. «Un dato interessante», afferma Francesco Onnis (Stile Libero), «riguarda i libri della classe V C del Dettori. Dalla tabella ufficiale fornitaci dalla scuola risulta che il costo dei libri è di 277 euro, ma noi ci siamo recati in libreria e abbiamo appurato che la spesa reale è di 539 euro. Un altro segnale negativo arriva dal liceo classico Siotto che si è rifiutato di fornire i dati sui suoi libri».
Per permettere agli studenti e alle famiglie di risparmiare le tre associazioni hanno organizzato un mercatino del libro usato (parallelo ma non concorrente rispetto a quello tradizionale di piazza Giovanni XXIII) che si terrà da martedì prossimo 11 settembre fino al 2 ottobre in via Giudicessa Benedetta 46 ogni martedì e giovedì dalle 16 alle 20. La prossima settimana partirà anche una raccolta di firme a sostegno di una proposta di legge nazionale contro il caro-libri. «In particolare», spiega Simone Spiga, «chiediamo che sia previsto il comodato d'uso dei libri nelle scuole superiori e il blocco delle nuove edizioni dei libri di testo. Sarebbe molto meglio, infatti, che si stampassero opuscoli di aggiornamento su carta riciclata, per l'acquisto dei quali gli studenti spenderebbero sicuramente molto meno». ( p.l. )


5 settembre 2007

CAGLIARI: CARO LIBRI, TRE ASSOCIAZIONI STUDENTESCHE SI MOBILITANO PER LA TUTELA DEI DIRITTI DEGLI STUDENTI E DELLE LORO FAMIGLIE

 CAGLIARI: CARO LIBRI, TRE ASSOCIAZIONI STUDENTESCHE SI MOBILITANO PER LA TUTELA DEI DIRITTI DEGLI STUDENTI E DELLE LORO FAMIGLIE

Conferenza Stampa

Giovedì 6 Settembre alle ore 11.00 in Via Giudicessa Benedetta, 46

E’ di queste settimane la polemica scatenata da alcune Associazioni dei Consumatori e da diverse realtà studentesche che hanno evidenziato a livello nazionale il costo elevato dei libri di testo, per questo motivo anche a Cagliari tre Associazioni Studentesche appena nate, hanno deciso di presentare i dati relativi ai costi dei libri nelle principali città della Sardegna e promuovere il Mercatino del Libro Usato, presentando una petizione studentesca che chieda una legge quadro sul costo dei testi scolatici”, affermano nella nota i referenti delle Associazioni – Blocco Studentesco, Studenti Non Conformi e Stile Libero

Per queste ragioni le Associazioni hanno indetto una conferenza stampa, Giovedì 6 Settembre dalle ore 11.00 presso la sede di Via Giudicessa Benedetta, 46, prosegue la nota.

Da oltre dieci anni le Associazioni Studentesche hanno posto all’attenzione delle autorità i costi esorbitanti dei libri di testo, e con la verifica in atto da parte della Guardia di Finanza operata in sei città italiane, di cui nessuna sarda, per arginare il problema del Caro Libri. Per questo le tre Associazioni si sono poste come promotrici di questa battaglia per il diritto allo studio, attraverso il Mercatino del Libro Usato che sarà uno strumento in più per garantire a tutti l’accesso agli studi superiori, negati dal costo elevato dei libri di testo”, conclude la nota delle Associazioni.

sfoglia     dicembre        febbraio
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
iniziative

VAI A VEDERE

Simone Spiga Blog
Bruno Murgia
Fare Verde Cagliari
Acque Sociali
Militanti per la Vita Sardegna
Daniele Maoddi
Gianmichele Nonne - Consigliere Comunale An Dorgali
ColoniaDux
SardegnaNonConforme


 

 



 























 RESPONSABILI REGIONALI

Simone Spiga

 

Manolo Mureddu 

CERCA