.
Annunci online

nuovaitaliasardegna
Associazione Culturale Nuova Italia - Sardegna


Diario


8 luglio 2007

MURGIA (AN) : GIUDIZIO CISL INTERPRETA SENTIMENTO SARDI

 " La Cisl interpreta alla perfezione lo stato d'animo diffuso tra i sardi ".

E' il commento del deputato di An Bruno Murgia alle parole del segretario regionale della Cisl Mario Medde che ha espresso profonda preoccupazione per lo stato di crisi economica, sociale ed occupazione in cui versa la Sardegna.
" Se uno dei più importanti sindacati sente la necessità di esprimere un giudizio critico cosi netto nei confronti della giunta regionale è evidente che riconosce nell' azione politica portata avanti dal centrosinistra in questi anni  una delle cause dell'impoverimento dell'isola.
Il centrodestra sardo dovrebbe cogliere al balzo l'appello di Mario Medde e iniziare a disegnare il progetto per una nuova idea di Sardegna che sia totalmente alternativo a Soru e alla politica di questi anni - conclude Murgia - è necessario lanciare un grande confronto coi sardi e tra i sardi che coinvolga tutti i pezzi della società, dalle categorie professionali alle imprese, ai giovani, alle forze sindacali e l'associazionismo.
La Sardegna mai come in questo momento ha bisogno di un imput di energie e di idee, occorre costruire la nuova casa dei sardi "
On. Bruno Murgia


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Bruno Murgia An Cisl Peggio Soru

permalink | inviato da fronte il 8/7/2007 alle 13:44 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


27 giugno 2007

«L'industria sarda non vuole morire»

Tratto da L'Unione Sarda

Una seduta straordinaria dedicata alla grande crisi dell'industria prima dell'incontro convocato dal Governo per il 10 luglio a Roma. È l'impegno che la Cisl ha strappato ieri ai capigruppo, di maggioranza e opposizione, incontrati su tavoli separati prima del confronto con la commissione Industria. Arrivati presto da ogni parte dell'isola in via Roma a Cagliari, 400 lavoratori hanno affidato a una delegazione - guidata dal leader del sindacato Mario Medde - il compito di coinvolgere l'assemblea regionale. Con un obiettivo: «L'incontro del 10 luglio deve rappresentare una scadenza decisiva, noi puntiamo a una nuova politica industriale. In caso contrario, lo sciopero generale sarà ineluttabile». Sulle rivendicazioni il fronte sindacale è solido, ma si è diviso sulla manifestazione di ieri. Cgil e Uil preferiscono attendere l'esito del vertice del 10 luglio, la Cisl «tiene la guardia alta», dice Medde. Le richiesteSi parte da un Accordo di programma quadro (Apq) a sostegno delle attività produttive, «ma non può bastare», dice Medde. C'è «l'urgenza inderogabile» delle tariffe agevolate per le industrie energivore, ci sono gli impegni sulla Carbosulcis e l'attuazione, dopo quattro anni, dell'accordo sulla chimica. Nell'Apq per le attività produttive «la priorità spetta al tessile, all'agroalimentare e alla nautica, una proposta che integra quanto previsto», ricorda Medde, «nel documento consegnato dalla Regione a Enrico Letta il 24 luglio 2006 e per nulla attuato». Documento che prevedeva la localizzazione, nell'isola, di imprese di eccellenza. «È su questi temi che dovrà avvenire il confronto con il Governo», sottolinea Giovanni Matta, segretario regionale della Cisl con delega all'industria. «Questi», ribadisce, «sono i temi e non quelli che vuole dettare la presidenza della Regione». I numeriLa Cisl parla di 36 aziende sarde in sofferenza (ed elenca, tra le altre, Carbosulcis, Portovesme, Alcoa, Unilever, Palmera, Legler, Sbs, Cartiera di Arbatax, Scaini), di «12 mila lavoratori che hanno perso il lavoro nell'ultimo anno», di «6 mila lavoratori che, con le loro famiglie, vivono nella precarietà e nell'incertezza». E sono dieci i mesi «trascorsi invano da quando il ministro Pierluigi Bersani ha promesso soluzioni per le industrie energivore». Le reazioni«La Cisl snocciola i numeri senza considerare le cause e, quindi, non è di alcun supporto a una più efficace azione di governo», scrive l'assessore all'Industria Concetta Rau. «Dov'era la Cisl», aggiunge, «quando si adottavano discutibili provvedimenti, per esempio finanziando imprese che si sono rivelate inesistenti o inconsistenti, oppure sostenendo attività mai decollate che generavano solo finte assunzioni?». La replica arriva poco dopo: «La Cisl era in piazza, protestando contro chi - di destra e di sinistra - allora governava». La segreteria regionale dell'Udeur evidenzia in una nota che l'iniziativa della Cisl «conferma l'allarme sociale dilagante già da noi percepito», anche grazie a una politica, «la nostra, non finalizzata a fin troppo banali espedienti per acquisire poltrone». Per Giorgio La Spisa, capogruppo di Forza Italia ed ex assessore all'Industria, «la Giunta assiste passivamente al lungo elenco di cattive notizie. Il Consiglio assuma un ruolo più attento di indirizzo politico». Luciano Uras, capogruppo di Rifondazione comunista, auspica «il massimo impegno di tutti» e il «pieno coinvolgimento del sindacato tutto». Per il capogruppo di An, Ignazio Aritzzu, «l'impietosa legge dei numeri dimostra il fallimento del centrosinistra sardo e del presidente Soru».


26 giugno 2007

SARDEGNA:VERTENZA INDUSTRIA; SANNA(AN),GIUSTE RICHIESTE CISL

 CAGLIARI, 26 GIU -'La manifestazione della Cisl non e' altro che l'inizio di una nuova fase tra le organizzazioni sindacali e la Giunta di centrosinistra'. Lo ha dichiarato il consigliere regionale di An, Matteo Sanna, in merito al sit-in di questa mattina davanti al Consiglio regionale.
'Con lo slogan 'Il sonno della Regione genera poverta' - ha detto Sanna - almeno 400 quadri dirigenti del settore industriale si sono trovati oggi per contestare le fallimentari politiche per l'industria. La situazione economica in Sardegna non puo' vederci silenziosi e oggi anche le organizzazioni sindacali pongono chiare richieste. Alla Cisl - ha proseguito l'esponente dell'opposizione - va la solidarieta' di An per questa importante battaglia sul mondo del lavoro, sono ormai piu' di 40 le aziende in crisi con i lavoratori in cassa integrazione e in mobilita', manca un dialogo costruttivo tra la regione e le organizzazioni del settore e l'appuntamento del 10 luglio a Roma speriamo non sia l'ennesima passerella del Governo Prodi'. (ANSA).


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Peggio Soru Matteo Sanna Sardegna Cisl

permalink | inviato da sardegnaperfini il 26/6/2007 alle 18:10 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia     giugno        agosto
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
iniziative

VAI A VEDERE

Simone Spiga Blog
Bruno Murgia
Fare Verde Cagliari
Acque Sociali
Militanti per la Vita Sardegna
Daniele Maoddi
Gianmichele Nonne - Consigliere Comunale An Dorgali
ColoniaDux
SardegnaNonConforme


 

 



 























 RESPONSABILI REGIONALI

Simone Spiga

 

Manolo Mureddu 

CERCA