.
Annunci online

nuovaitaliasardegna
Associazione Culturale Nuova Italia - Sardegna


Diario


29 novembre 2007

LA GIOVANE DESTRA IDENTITARIA LANCIA LA CAMPAGNA ABBONAMENTI DELLA RIVISTA AREA!

Alcuni Dirigenti Nazionali di Azione Giovani, aderenti al progetto Identitario.org, hanno deciso di lanciare, a livello nazionale, una campagna comune per invitare la gente ad abbonarsi alla rivista AREA (www.area-online.it), magistralmente diretto dall’attuale Senatore della Repubblica, Marcello de Angelis.

Alessandro Amorese (Massa) e Beniamino Scarfone (Reggio Calabria), entrambi componenti dell’Esecutivo Nazionale di AG, Daniele Caroleo (Crotone), Simone Spiga (Cagliari), Alberto De Luca (Messina) e Angelo D'Acunto (Torino), tutti Dirigenti Nazionali di Azione Giovani, hanno inoltre deciso di rilasciare alcune dichiarazioni univoche in merito a questa campagna.

“Riteniamo la rivista Area – dichiarano i giovani dirigenti di Alleanza Nazionale – uno strumento di approfondimento altamente importante sul piano culturale e sul piano dell’analisi politica. Le tematiche affrontate e la competenza dei membri della redazione, tra cui il suo direttore, Marcello de Angelis, che è, sostanzialmente, uno dei punti di riferimento della giovane destra sociale e identitaria, fanno di questo mensile uno dei migliori del panorama editoriale italiano. Per tutta questa serie di motivi abbiamo quindi deciso di lanciare una campagna di sostegno nei confronti di questa rivista. Nei prossimi giorni molte nostre comunità militanti distribuiranno o affiggeranno per le vie della propria città un volantino, da noi realizzato, per la campagna abbonamenti della rivista AREA. Sullo stesso volantino, inoltre, verrà stampato un coupon che dovrà essere debitamente compilato ed inviato alla redazione di AREA per sottoscrivere l’abbonamento. Comunichiamo infine che le sedi delle nostre comunità militanti di riferimento, sparse su tutto il territorio nazionale, rimarranno aperte e a disposizione di tutti per poter sottoscrivere l’abbonamento di cui sopra e per fornire tutte le informazioni possibili in merito a questa rivista e a tutto l’ambiente che gravita intorno a questo mensile.”.


2 agosto 2007

Strage di Bologna: e ora chi sa,parli!

 di Marcello de Angelis

.................................................. ........

Area è da anni impegnata nella ricerca della verità sulla strage di Bologna: il più grave attentato che la storia repubblicana ricordi.
Un dato è ormai acquisito e - dopo il dossier da noi pubblicato in gennaio in relazione al presunto coinvolgimento di Luigi Ciavardini - decisamente incortrovertibile: la destra non c'entra.
L'unica verità processuale assodata è che ci sono stati dei depistaggi ad opera degli apparati dello Stato per indirizzare - reiteratamente - le indagini verso la destra: i responsabili di questi depistaggi sono stati identificati e condannati. Le false prove e i documenti prefabbricati per i depistaggi tendevano però proprio a dimostrare il coinvolgimento delle persone attualmente condannate! Com'è dunque possibile? Un depistaggio serve ad allontanare il più possibile le investigazioni dai veri colpevoli, non il contrario.
Questa è solo una delle assolute contraddizioni sulle quali si è pensato di archiviare il processo per la strage: il depistaggio c'è stato; portava all'incriminazione di Mambro e Fioravanti e poi - con dichiarazioni pilotate di Angelo Izzo (si, proprio il galantuomo recentemente ritornato dietro le sbarre dopo aver reiterato una strage a sfondo sessuale!) - di Luigi Ciavardini; il tribunale - nella totale assenza di qualsiasi altra prova - ha comunque, ripetutamente, confermato la condanna delle vittime del depistaggio…
A 25 anni dal massacro, nessuno può fare più finta di niente. Bisogna domandarsi il perché, per un quarto di secolo, malgrado la progressiva ma inevitabile certezza dell'innocenza dei condannati, si sia continuato di concerto a rinviare l'ammissione della infondatezza della "pista nera" e, quindi, la ripresa delle indagini verso altre direzioni.
Fa tutto parte del depistaggio: far passare così tanto tempo dall'accaduto, forzando gli inquirenti a voltare le spalle alla verità e guardare dall'altra parte, da far sì che le prove finiscano seppellite o cancellate.
E invece sono ancora tutte lì, ed era ora che qualcuno le recuperasse, gli desse una spolverata e le rimettesse in ordine in un racconto coerente e ricco di riscontri e conferme.
Sissignori, c'era un'altra pista ed è ancora percorribile.
Il 7 novembre del 1979 un gruppo di estrema sinistra venne arrestato al porto di Ortona (Chieti), mentre contrabbandava in Italia dei letali lanciamissili di fabbricazione sovietica. Dopo una settimana veniva catturato per lo stesso reasto, il rappresentante in Italia della frangia marxista-leninista dell'Olp, a Bologna, dove risiedeva e operava. Fin dal ' 75 l 'uomo era coperto e protetto dai servizi militari italiani. A dicembre i servizi assicurano al presidente del consiglio Cossiga che i palestinesi non c'entravano nulla, ma ci pensa Habbash, capo dei marxisti palestinesi a inviare agli italiani una lettera che rivendica la proprietà delle armi al suo gruppo e ingiunge l'immediata restituzione del materiale e la scarcerazione del suo ufficiale di collegamento. Il giordano è anche il responsabile della logistica del terrorista internazionale Carlos, che aveva una base proprio a Bologna. Le trattative per la liberazione del giordano durano a lungo senza esito. L'8 marzo 1980, sempre da Bologna, vengono trasmessi al ministero dell'Interno avvertimenti di possibili ritorsioni contro il nostro Paese. L'11 luglio 1980 il direttore dell'Ucigos scrive al direttore del Sisde che il Fronte popolare per la Liberazione della Palestina sta per intraprendere tali azioni di ritorsione. Il 2 agosto esplode la bomba alla stazione di Bologna. Il 19 settembre una giornalista italiana, che risulterà lavorare per i nostri servizi, intervista il responsabile dei servizi di sicurezza dell'Olp che assicura che la strage l'hanno fatta neofascisti italiani addestrati dalla Falange libanese. Il 13 gennaio 1981, alla stazione di Bologna, sul treno Taranto-Milano, viene rinvenuta una valigia contenente esplosivo uguale a quello della strage e biglietti aerei intestati a nominativi simili a quelli di estremisti di destra latitanti. Si scoprirà che gli autori della falsificazione sono i servizi italiani, che vengono condannati per depistaggio. Il 14 agosto 1981, il giordano-palestinese viene liberato. Il 18 giugno 1982, a Fiumicino, viene arrestata una terrorista tedesca del gruppo Carlos, con una valigia piena di esplosivo: proviene dalla Siria, dopo uno scalo a Bucarest…
Nelle 17 pagine del servizio pubblicato in questo numero di Area, questa sequenza logica prende corpo, corredata di nomi, fatti e dichiarazioni e diventa schiacciante.
Si tratta, però, di un'inchiesta giornalistica, basata solo sugli elementi già a disposizione di chiunque avesse avuto l'intenzione di esaminarli. Oltre non possiamo andare. L'ultimo passo spetta alle autorità giudiziarie, o politiche.
L'ultimo atto della nostra battaglia è dunque questo: un appello affinché chi sa parli. Vogliamo sentire alta e forte la voce del senatore Cossiga, che più volte ha dichiarato ingiuste le condanne subite dalla destra, ha richiesto la rimozione della lapide apposta nella stazione di Bologna che parla di "strage fascista", dichiarandola diffamatoria e si è detto lui stesso vittima di un depistaggio, quando, nel 1980, da presidente del Consiglio, fu indotto a dichiarare alle Camere che la strage era "di matrice fascista". Più di un ministro dell'allora Governo dichiarò che bisognasse seguire una pista internazionale e non "domestica", ma fu rapidamente messo a tacere. Oggi, chi meglio del neoeletto vicepresidente del Consiglio superiore della magistratura Virginio Rognoni, allora ministro degli Interni, può impegnarsi per la riscoperta della verità su quegli eventi?
Ma interrogare testimoni e condannare responsabili non fa parte del nostro lavoro. Anzi, per noi, il fatto che possano alla fine pagare i veri colpevoli è un risultato di secondo piano rispetto al fatto che, almeno, non siano più gli innocenti a pagare e venga restituita ai cittadini italiani la verità storica su quegli anni.
Perché quella strage fu un atto di guerra contro l'Italia. E della successiva strage di verità siamo stati tutti vittime, nessuno escluso.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. marcello De Angelis 2 Agosto 1980 bologna

permalink | inviato da fronte il 2/8/2007 alle 0:58 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia     ottobre        dicembre
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
iniziative

VAI A VEDERE

Simone Spiga Blog
Bruno Murgia
Fare Verde Cagliari
Acque Sociali
Militanti per la Vita Sardegna
Daniele Maoddi
Gianmichele Nonne - Consigliere Comunale An Dorgali
ColoniaDux
SardegnaNonConforme


 

 



 























 RESPONSABILI REGIONALI

Simone Spiga

 

Manolo Mureddu 

CERCA