.
Annunci online

nuovaitaliasardegna
Associazione Culturale Nuova Italia - Sardegna


Diario


13 giugno 2007

MORO: FONDI UE ALLE AZIENDE AGRICOLE, PRESENTATA INTERROGAZIONE AL PRESIDENTE SORU

 

"Nella mia veste di Consigliere Regionale e Vice Presidente della Commissione Agricoltura ho sentito il dovere di presentare una interrogazione al Presidente della Regione su una complessa vicenda che riguarda 72 imprese agricole della Provincia di Sassari, incappate a mio giudizio in un meccanismo perverso di “mala amministrazione” e “accanimento burocratico”". Lo dichiara l'on. Nanni Moro, consigliere regionale di AN.
"Riassumo i fatti. Nel 1997 l’Assessorato all’Agricoltura concede alle aziende una certa somma (1.800.000 euro complessivi di oggi) per abbattere il peso degli interessi sui mutui agrari. Come è noto, la materia si presta ad interpretazioni molto diverse per l’orientamento prevalente dell’Unione Europea di considerare molte forme di aiuto illegittime perché distorsive della libera concorrenza e del mercato".
"E’ prassi di buona amministrazione, dunque, sottoporre “prima” alle autorità comunitarie le leggi che prevedono queste misure e solo “dopo” introdurle nell’ordinamento regionale".
"Nel caso delle aziende del Sassarese, invece, la Regione ha concesso immediatamente gli aiuti salvo poi vederseli “bocciare” dalla Ue e facendo scattare, a quel punto, la procedura con cui è stata chiesta agli imprenditori agricoli la restituzione della somme percepite".
"Cosa ha detto, in concreto, il Consiglio di Stato cui le aziende si sono rivolte? Che la Regione ha sbagliato due volte. La prima, quando non si è fatta dare il “via libera” preventivo da Bruxelles sugli aiuti. E la seconda, quando non ha detto alle imprese che sulle somme che stava erogando poteva esserci un controllo a posteriori (come in effetti è avvenuto) da cui poteva scaturire l’illegittimità del provvedimento".
"In conclusione, sarebbe davvero paradossale che gli interessati facessero un ricorso al Tar per chiedere l’applicazione di un provvedimento del Consiglio di Stato. La Regione dovrebbe riconoscere i suoi errori e, magari, chiedere scusa".


PEGGIO SORU


12 giugno 2007

MURGIA (AN) : CARTELLINO ROSSO PER SORU E CENTROSINISTRA DAL POPOLO SARDO, BOCCIATE SONORAMENTE ANCHE IPOTESI NEOCENTRISTE CHE SANNO DI VECCHIO

" Due settimane fa ho facilmente azzeccato il pronostico : in Sardegna Cdl batte Unione 4-0. Con le vittorie di Selargius e Oristano il popolo sardo esibisce il cartellino rosso nei confronti del Governatore Soru e con forza emana un secco avviso di sfratto al centrosinistra dal governo dell'isola ". Cosi commenta l'esito dei ballottaggi a Oristano e Selargius il deputato di An Bruno Murgia che si proclama felice per lo straordinario successo del centrodestra nei due comuni.
" Il vento è radicalmente cambiato rispetto a due anni e mezzo fa, gli elettori bocciano clamorosamente Renato Soru e la sua giunta e tutta la politica del centrosinistra sardo.
A Oristano la nettissima vittoria di Angela Nonnis è una lezione anche per coloro che sognano obsolete ipotesi di grande centro, oggi dalla Sardegna in tanti possono riporre i loro sogni nel cassetto: l'elettore oggi non vuole pasticci e voltagabbana ma si immedesima nel bipolarismo e vuole coalizioni dai confini certi, centrodestra e centrosinistra.
Oggi i sardi hanno fatto una scelta di campo a favore della Casa della Libertà, dei suoi candidati a sindaco e dei partiti che la compongono ".
On. Bruno Murgia - deputato Alleanza Nazionale


11 giugno 2007

Sanna (An): Chi lo dice ora a Soru?

"Dopo i risultati dei ballottaggi in Sardegna chi lo dice a Soru come sono andate le cose?", questa è la domanda che il Consigliere Regionale di An, Matteo Sanna pone al Centro Sinistra che esce con le ossa rotte da questa consultazione amministrativa.
"Dopo aver tentato tutte le strade possibili pur di vincere i ballottaggi, Soru e l'intero Centro Sinistra ora dovranno rendere conto ai sardi della politica di questa maggioranza"..."non è tollerabile questa gestione dittatoriale di Soru e ora ci aspettiamo le dimissioni", afferma Matteo Sanna.
"Olbia, Alghero, Selargius, Oristano tutte città con una vittoria del Centro Destra con oltre il 58 %, crediamo sia il segnale chiaro che i sardi vogliono dare alla sinistra"..."dopo il primo turno Soru ha tentato di sminuire il risultato delle elezioni che comunque era chiaro, oggi cosa farà il Presidente?", incalza Matteo Sanna.
"Dopo la tassa sul lusso, la tassa sui cani, il piano paesistico, il termovalorizzatore non voluto dalle popolazioni del nuorese, ora si occuperà di cambiare o proseguirà sulla sua strada?", conclude Matteo Sanna.


9 giugno 2007

BALLOTTAGGI: DOMANI E LUNEDI' ALLE URNE ORISTANO E SELARGIUS

 Cagliari, 9 giu. - Dalle 8 alle 22 di domani e dalle 7 alle 15 di lunedi' prossimo, gli elettori di Oristano e di Selargius (Cagliari) torneranno alle urne per scegliere il proprio sindaco, dopo che al primo turno nessuno dei candidati aveva ottenuto la maggioranza assoluta dei voti. Oggi si osserva, invece, la giornata di silenzio elettorale.
Al ballottaggio nella citta' di Eleonora i circa 28.000 elettori sono chiamati a scegliere fra due medici. Angela Nonnis, 49 anni, medico del lavoro, candidata del centrodestra sostenuta da An, Fi, Riformatori, Uds, Dc e da una lista civica, vincitrice al primo turno con il 37,44%, ha ricevuto giovedi' scorso l'investitura del leader azzurro Silvio Berlusconi, arrivato a Oristano per tesserne le lodi e cercare di concentare su di lei i voti dei moderati dell'Udc e di Fortza Paris (formalmente ancora nel centrodestra), che invece si sono apparentati con il suo rivale. Proprio questa circostanza, restituisce a Marino Marchi, 62 anni, primario di Cardiologia, candidato del centrosinistra appoggiato anche da una lista civica e da quella del Movimento per l'autonomia, la speranza di recuperare lo svantaggio di circa sette punti.
Nella sfida a quattro del primo turno, Marchi si era fermato al 30,55% dei consensi.
A Selargius si profila arduo il recupero del candidato di centrosinistra, Giambattista Gallus, avvocato di 39 anni, che al primo turno ha riportato il 33,95% dei voti. Nonostante l'accordo politico con in civici di "Selargius in movimento" al seguito del terzo candidato Tonino Melis, sono circa 11 i punti che separano Gallus dal candidato della Cdl, Gianfranco Cappai, dipendente pubblico di 53 anni, sostenuto dai civici "dissidenti" rispetto all'accordo stretto con l'Unione.
L'esponente del centrodestra parte da un 44,74% di consensi e ha potuto contare anche sulla sponsorizzazione diretta di Berlusconi. I due sfidanti si contenderanno poco piu' di 24.000 voti. (AGI)


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Selargius oristano Ballottaggi

permalink | inviato da sardegnaperfini il 9/6/2007 alle 12:19 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia     maggio        luglio
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
iniziative

VAI A VEDERE

Simone Spiga Blog
Bruno Murgia
Fare Verde Cagliari
Acque Sociali
Militanti per la Vita Sardegna
Daniele Maoddi
Gianmichele Nonne - Consigliere Comunale An Dorgali
ColoniaDux
SardegnaNonConforme


 

 



 























 RESPONSABILI REGIONALI

Simone Spiga

 

Manolo Mureddu 

CERCA