.
Annunci online

nuovaitaliasardegna
Associazione Culturale Nuova Italia - Sardegna


Diario


19 febbraio 2009

Il Comitato Peggio Soru non scompare...

Tratto da Peggio Soru

L'evoluzione politica dentro il Pd dopo la sconfitta di Soru alle Regionali, ci deve vedere ancora vigili, infatti nella giornata di ieri sono nati su facebook, gruppi che chiedono che Renato Soru diventi il Segretario Nazionale del Pd.
L'idea è stata rilanciata da diversi blog e non possiamo sentirci tranquilli finchè non sapremo che Soru non si occuperà più di politica per la Sardegna e per l'Italia.
Stiamo vigili e nel caso in cui Soru dovesse diventare Segretario del Pd, abbiamo decine di ragioni per sostenere a livello nazionale il Comitato PEGGIO SORU.

Simone Spiga


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. peggio soru sardegna italia pd simone spiga

permalink | inviato da fronte il 19/2/2009 alle 14:59 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


15 ottobre 2008

LA GIOVANE DESTRA IDENTITARIA CONTRO LE DICHIARAZIONI DI DACIA VALENT

 

Nei giorni scorsi l’ex Europarlamentare del Partito Comunista Italiano, Dacia Valent, ha pubblicato sul proprio blog alcune dichiarazioni piuttosto offensive nei confronti dell’Italia e dei suoi abitanti. In merito a tali dichiarazioni, alcuni Dirigenti e Militanti di Azione Giovani, tutti aderenti e promotori del progetto Identitario.org (www.identitario.org), hanno inteso rilasciare alcune dichiarazioni univoche.

Mentre le istituzioni e i mass media da tre giorni dedicano tutte le loro energie per parlare, denunciare ed informare sulla “trasferta fascista” in Bulgaria, - incalzano i giovani di Alleanza Nazionale - nessun uomo di istituzioni o dell’informazione si è interessato delle offensive dichiarazioni, contro l’Italia e contro gli italiani, dell’ex europarlamentare del Partito Comunista Italiano Dacia Valent. Insensibili bianchi, ignoranti, carnefici di neri, musulmani ed ebrei, gente che meriterebbe la morte in culla dei propri figli perché non meritano un futuro. Questa in sintesi la descrizione degli italiani nella lettera pubblicata sul sito web dell’ex parlamentare, che denuncia il paese che l’ha ospitata, resa ricca e addirittura eletta. Una lettera piena di livore, insulto ed odio. Ebbene sì, odio razziale ed odio religioso, da censurare, da querelare, perché la discriminazione non ha corsie preferenziali e le offese non hanno dei destinatari standard. Frasi come “Siete il peggio che la razza bianca abbia mai prodotto. Brutti come la fame, privi di capacità e di ingegno se non nel business della malavita organizzata e nella volontà delle vostre donne (studentesse, casalinghe, madri di famiglie) di prostituirsi e di prostituire le proprie figlie”, meritano una condanna, non solo morale. Queste parole vanno definite per quello che sono: RAZZISTE allo stato puro!”.

“Offendere la memoria di eroi come Perlasca è deprecabile. – continuano i militanti di Azione Giovani - Definire la “classe media”, che ogni giorno collabora all’integrazione degli extracomunitari nelle proprie città, come “penosa, noiosa, mediocre, incivile e selvaggia” è un vergognoso atteggiamento di irriconoscenza nonché sovversivo.Sarebbe fin troppo facile e patetico replicare alla signora Dacia con la stessa moneta. La sua lettera si commenta da sola e la (s)qualifica abbondantemente.”.
“Ciò che disarma è l’incapacità di denunciare problemi con lucidità e rispetto – concludono gli esponenti di AG nonchè promotori del progetto Identitario.org - ma affidandosi a banali e stupide generalizzazioni su un popolo che non è solo mafia e corruzione, anzi, che queste piaghe le subisce e le combatte come in tante altre parti del mondo. Un modo barbarico insomma di concepire il confronto, tutto poco democratico e civile.La signora Dacia dovrebbe ricordarsi innanzi tutto che è la libertà di questo Paese che le ha permesso di insultare un intero Popolo. Il nostro orgoglio di essere italiani non viene meno certamente dopo le deliranti parole di un’esaltata. Ma quando è troppo è troppo ed occorrerà prendere i dovuti provvedimenti e prese di posizione distanti da chi vuol avvelenare il nostro Paese con vergognose illazioni e gettando del fango che gli italiani non meritano!
Non possiamo tollerare che certe ingiurie e certe affermazioni passino inosservate o cadano nel dimenticatoio e, a nome dell’intero popolo italiano, pretendiamo una presa di posizione forte da parte delle istituzioni e dell’intero mondo politico, oltre che le scuse immediate da parte della signora Valent!”.

Daniele Caroleo (Crotone – Dirigente Nazionale AG – www.danielecaroleo.identitario.org)

Simone Spiga (Cagliari – Dirigente Nazionale AG – www.simonespiga.tk)

Luigi Curci (Barletta - Presidente AG Barletta – www.luigicurci.tk)

Alessandro Amorese (Massa - Esecutivo Nazionale AG -
www.alessandroamorese.splinder.com)


25 aprile 2008

25 aprile, altarino di Mussolini in vetrina

GROSSETO - Mentrein tutta Italia si celebra il 63esimo anniversario della Liberazione, a Grosseto, Fabio Balducci, classe 1948, allestisce nella vetrina del suo negozio di cornici un altarino con l'immagine di Benito Mussolini e una rosa rossa, non riconoscendo la festa del 25 aprile.

«PER CHI HA PERSO LA VITA PER IL FASCISMO» -«Ho sistemato una foto di Mussolini su un piccolo altarino, con una rosa rossa, per non dimenticare chi ha perso la vita per il fascismo. Ho scelto la foto di Mussolini direttore de Il Popolo quando era un intellettuale» spiega Balducci, in passato collaboratore de «il Borghese» e «O.P.». «Ho un'idea del movimento fascista, come rivoluzione. Mussolini ha creato in un certo senso una società nuova da quella ottocentesca».

«OGGI LAVORO» - Per il negoziante di Grosseto «i lavoratori dovrebbero essere i primi a ricordare quando è stato fatto dal fascismo come l'Inail, l'Inps le colonie dei bambini. Il 25 aprile è considerata una festa nazionale che non condivido, condivido il primo maggio, il 25 aprile no. Non voglio dire agli altri di non festeggiare, ma per me oggi è un giorno normale di lavoro».


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. 25 Aprile. Grosseto Lutto Italia

permalink | inviato da fronte il 25/4/2008 alle 13:1 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


25 gennaio 2008

BUON GIORNO ITALIA, L'INCUBO PRODI E' FINITO!

 Di Luigi Curci

Commentare la giornata politica della "caduta" risulta davvero impresa ardua! Non so se far prevalere la gioia per la caduta del peggior governo della storia repubblicana o il dolore per il disagio causato in questi due anni di mal governo!
Partiamo da una certezza: quando Prodi sale a Palazzo Chigi non supera due anni di vita!!! Sistema maggioritario (quello del 1996) o sistema proporzionale (quello del 2006) poco cambia, Romano cade comunque! O da sinistra o dal centro, poco importa, qualcuno fa cadere dopo 2 anni una maggioranza estremamente eterogenea messa in piedi per vincere le elezioni, anzi, per opporsi a Berlusconi, già Silvio...se non ci fosse lui la sinistra lo dovrebbe inventare, unico motivo per tenere insieme teodem, liberali, socialisti ex comunisti, socialisti post craxiani, radicali, ex democristiani, comunisti, ambientalisti e perchè no, anche Senatori a vita ma anche gente a cui forse forse della politica non gliene frega niente...e in tutto questo, mica per caso, Romano cade, ed è questo l'importante, che porti gioia, molta, o che porti dolore!
Chiedeva la fiducia, Romano ovviamente, perchè presumeva di aver fatto qualcosa di buono...senza dimenticare che la sinistra radicale scendeva in piazza contro il governo, per politiche contro il precariato, con i ministri del governo che contestavano (frase che appare surreale ma è la verità)!
Chiedeva la fiducia per l'importante lavoro legislativo svolto! Quale lavoro? Nessuna proposta, nessuna riforma. Solo controriforme...controriformare ciò che ha fatto il centrodestra perchè, come ricordavo prima, solo questo li tiene uniti e li rende operanti, l'odio per l'avversario. Ed è così che alla riforma delle pensioni della CDL segue una controriforma, alla riforma sulla giustizia della CDL segue una controriforma, alla riforma scolastica della CDL segue una controriforma...e se avessero avuto il tempo avrebbero completato le controriforme su immigrazione e televisione, perchè i governi che cadono son quelli che distruggono non quelli che creano! Solo una legge ha il marchio di fabbrica di questo governo! Parlo delle liberalizzazioni di Bersani, le liberalizzazioni sulla distribuzione della benzina (prezzo aumentato), sulla produzione del pane (prezzo aumentato), sulle licenze dei taxi (prezzo aumentato), sui costi delle ricariche telefoniche (prezzo dimunuito ma scelta decisa dall'Antitrust ed imposta al governo dopo una petizione lanciata da un ragazzo di Azione Universitaria)...
Oggi Romano, il caro Romano, ha chiesto la fiducia ai Senatori perchè i fratelli palestinesi migrano verso l'Egitto. Situazione umanitaria allarmante per carità! Ma prima di pensare al Medio Oriente vogliamo ricordarci della dignità italiana calpestata dai rifiuti in Campania, dal silenzio del Papa alla Sapienza (che poi si è rivelato un ordine di Palazzo Chigi) e dai titoli della stampa europea e americana che ci riempiono di ridicolo???
Ci chiedeva la fiducia per fare le riforme Romano...lui? Che reggeva il governo sulla salute della Montalcini e sul ghigno di Scalfaro,lui che non riusciva ad amministrare l'ordinario voleva impegnare il Parlamento a sforzi straordinari? Lui, Presidente di un partito, il Partito Democratico, che ha tre posizioni differenti su come riformare la legge elettorale? Lui, che parla di riduzione dei costi della politica nominado 102 membri nel suo Governo (e c'erano anche quelli dell'Italia dei valori tanto bravi a fare prediche)? Lui che parla di riforme costituzionali proponendo modifiche pari pari a quello che ha bocciato al referendum costituzionale del giugno 2006 promosso dal precedente governo?
Il governo delle bizzarie, della finanza disastrata (oggi l'ultimo richiamo di Almunia), delle tasse e dell'inflazione mentre Padoa-Schioppa se la ride, delle rimozioni dei genereali delle forze armate poi dichiarate illegittime nei tribunali mentre sempre Padoa-Schioppa se la ride (ma insieme a Visco), dei Dico e non Dico...e alla fine "dicevano", delle più disparate manifestazioni di piazza, e non solo quelle politiche come il favoloso 2 dicembre 2006, ma anche e soprattutto quelle dei taxisti, quelle dei camionisti che bloccano l'Italia...quella delle famiglie durante il family day, perchè alla quarta settimana non si arriva ma nonostante tutto si pensa ad altro, della gente che in pratica va in piazza perchè INCAZZATA. Delle bizzarie dicevo...come quella dei Ministri che protestano contro il proprio Governo, come quella Ministra che va alle feste di Briatore e poi dice di non conoscerlo...come il portavoce del Premier (beh qui non aggiungiamo altro)...come il Ministro ambientalista che riempie di rifiuti la Campania...come quel Ministro degli Esteri che dice che se il rifinanziamento della missione in Afghanista non viene votato "si va tutti a casa" e poi, nonostante il voto contrario, resta per altri 10 mesi a fare il Ministro...come quel Ministro che vuol aumentare il limite di droga "leggera" assumibile per poi tornare sui suoi passi perchè arriva una condanna del TAR...come quel Ministro che propone il pacchetto sicurezza quando ormai di sicurezza non ce n'è più, quando ormai le "gazzelle" restano senza benzina  e si concede un aumento di 5€ alla busta paga delle forze di polizia...come continuare? Son troppe le cose da dire, continuiamo domani! Se vi va! Si può parlare di trasformismo e di contratti di lavoro nel buio della notte per comprarsi il voto di un senatore in ribellione! Se vi va ne parliamo!
Pensiamo al futuro, andiamo avanti. La Destra ha il dovere di affrontare la situazione difficile nel modo più serio. Dare la voce al Popolo per ricevere la fiducia per tornare al Governo. Senza gli errori della volta precendente, senza paura, con l'esperienza che forse ci mancava. La gioia della caduta di Prodi corrisponde anche con la consapevolezza che tempi di lavoro ci aspettano.
Dimostriamo che l'antipolitica nasce per colpa del cattivo governo, restituiamo politica e dignità a questo Paese. Senza polemiche, senza inciuci a breve o lungo termine...ma con tanta chiarezza e lavoro! Con tanto amore per l'Italia!


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Prodi Italia Luigi Curci Simone Spiga Ag An

permalink | inviato da fronte il 25/1/2008 alle 15:45 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia     gennaio        marzo
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
iniziative

VAI A VEDERE

Simone Spiga Blog
Bruno Murgia
Fare Verde Cagliari
Acque Sociali
Militanti per la Vita Sardegna
Daniele Maoddi
Gianmichele Nonne - Consigliere Comunale An Dorgali
ColoniaDux
SardegnaNonConforme


 

 



 























 RESPONSABILI REGIONALI

Simone Spiga

 

Manolo Mureddu 

CERCA